• Digestori anaerobici

    Dalla digestione anaerobica di biomasse residuali viene prodotto un gas ricco in metano (biogas) che può essere opportunamente trattato per essere immesso in rete o utilizzato per il trasporto, sostituendo il metano proveniente da fonti energetiche fossili.

  • A Roncocesi il primo impianto dimostrativo per la produzione di biometano per autotrazione dal trattamento di fanghi di acque reflue

    Il biogas prodotto dal trattamento acque verrà trattato da un impianto di upgrading appositamente progettato.

  • La discarica HERA

    La discarica HERA di Ravenna produrrà biometano da immettere in rete. Il primo impianto dimostrativo in Italia per la produzione di biometano per l'immissione in rete sarà realizzato nella discarica di Ravenna.

  • Il processo di upgrading

    L'upgrading consiste nella separazione dell’anidride carbonica e di altri component indesiderati dal biogas da discarica o da fanghi di depurazione attraverso diverse tecnologie. Il biogas così ottenuto arriva ad ottenere un contenuto energetico comparabile a quello del gas naturale (biometano). La tecnologia di upgrading ottimale dipende dalle portate e dalle caratteristiche del biogas in entrata.

venerdì 7 agosto 2015

Autore: BioMethER
Nessun commento | venerdì, agosto 07, 2015
Il GSE, a conclusione della consultazione, ha pubblicato la 'Procedura di qualifica degli impianti di produzione di biometano' e le 'Procedure applicative per la richiesta e il rilascio degli incentivi per il biometano trasportato con modalità extra rete', allegate in basso (artt. 4 e 5 del DM 5 dicembre 2013).

Nelle more della predisposizione dell’applicativo informatico dedicato, la richiesta di qualifica deve essere inviata, unitamente alla documentazione richiesta, solo ed esclusivamente da una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo email qualifiche.biometano@pec.gse.it

Per inviare la richiesta di qualifica dell’impianto di produzione di biometano (trasmissione della Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio - vedi format per richiesta di qualifica a progetto e in esercizio dal sito GSE– e di copia del documento di identità del sottoscrittore) è necessario inviare al GSE una PEC avente ad oggetto la seguente dicitura: “BIOMETANO – RICHIESTA DI QUALIFICA – nome del Soggetto Responsabile”.

Per trasmettere contestualmente al GSE gli allegati relativi alla medesima richiesta di qualifica, è necessario inviare una o più ulteriori PEC, aventi in oggetto la seguente dicitura: “BIOMETANO - RICHIESTA DI QUALIFICA - nome del Soggetto Responsabile - Trasmissione allegati - email 1/N”.

L’invio della richiesta di qualifica determina l’impegno, da parte del soggetto richiedente, a corrispondere al GSE un contributo per le spese di istruttoria pari a 500 €, oltre IVA se dovuta, per ciascuna richiesta, come stabilito dall’art. 7, comma 7, del DM 5 dicembre 2013.

Il GSE, a seguito della ricezione della richiesta di qualifica, provvederà a inviare via PEC al soggetto richiedente la fattura con l’importo relativo al contributo di istruttoria.

Procedura di qualifica degli impianti di produzione di biometano (pdf)
Procedure applicative per la richiesta e il rilascio degli incentivi per il biometano trasportato con modalità extra rete (pdf)

Per approfondimenti: sito GSE


0 commenti:

Posta un commento