• Digestori anaerobici

    Dalla digestione anaerobica di biomasse residuali viene prodotto un gas ricco in metano (biogas) che può essere opportunamente trattato per essere immesso in rete o utilizzato per il trasporto, sostituendo il metano proveniente da fonti energetiche fossili.

  • A Roncocesi il primo impianto dimostrativo per la produzione di biometano per autotrazione dal trattamento di fanghi di acque reflue

    Il biogas prodotto dal trattamento acque verrà trattato da un impianto di upgrading appositamente progettato.

  • La discarica HERA

    La discarica HERA di Ravenna produrrà biometano da immettere in rete. Il primo impianto dimostrativo in Italia per la produzione di biometano per l'immissione in rete sarà realizzato nella discarica di Ravenna.

  • Il processo di upgrading

    L'upgrading consiste nella separazione dell’anidride carbonica e di altri component indesiderati dal biogas da discarica o da fanghi di depurazione attraverso diverse tecnologie. Il biogas così ottenuto arriva ad ottenere un contenuto energetico comparabile a quello del gas naturale (biometano). La tecnologia di upgrading ottimale dipende dalle portate e dalle caratteristiche del biogas in entrata.

martedì 22 dicembre 2015

Autore: BioMethER
Nessun commento | martedì, dicembre 22, 2015
Si trova a Modena la prima stazione di rifornimento di metano a tecnologia criogenica in Europa destinata al trasporto pubblico. E' Seta, infatti, la prima – e per ora, unica – azienda di trasporto pubblico ad aver realizzato, nella propria sede di Strada Sant’Anna 210, un impianto aziendale ad alta efficienza che immagazzina il gas metano e rifornisce in tempi rapidi gli oltre 60 autobus della flotta alimentati con questo carburante.

Il distributore, appena inaugurato, contribuirà a ridurre i costi d’acquisto del carburante, velocizzare i tempi di rifornimento dei mezzi e rendere sempre più conveniente e diffuso l’impiego degli autobus a basso impatto ambientale. L’investimento complessivo, sostenuto da Seta interamente in autofinanziamento, ammonta ad oltre 1,3 milioni di euro.

Attualmente la flotta Seta alimentata a metano conta 63 autobus nel bacino provinciale di Modena e 19 in quello di Piacenza (su un totale di 867 mezzi).  Nel corso del triennio 2016-2018 è previsto l’acquisto di diversi altri mezzi a basso impatto ambientale: i primi 3 autobus sono stati presentati in occasione dell’inaugurazione del nuovo distributore aziendale di gas metano. Si tratta di mezzi modello Urbino 12, prodotti dall’azienda polacca Solaris, che entreranno in servizio sulla rete urbana di Modena a partire dal mese di gennaio 2016.

Fonte: Regione Emilia-Romagna Mobilità



0 commenti:

Posta un commento