• Digestori anaerobici

    Dalla digestione anaerobica di biomasse residuali viene prodotto un gas ricco in metano (biogas) che può essere opportunamente trattato per essere immesso in rete o utilizzato per il trasporto, sostituendo il metano proveniente da fonti energetiche fossili.

  • A Roncocesi il primo impianto dimostrativo per la produzione di biometano per autotrazione dal trattamento di fanghi di acque reflue

    Il biogas prodotto dal trattamento acque verrà trattato da un impianto di upgrading appositamente progettato.

  • La discarica HERA

    La discarica HERA di Ravenna produrrà biometano da immettere in rete. Il primo impianto dimostrativo in Italia per la produzione di biometano per l'immissione in rete sarà realizzato nella discarica di Ravenna.

  • Il processo di upgrading

    L'upgrading consiste nella separazione dell’anidride carbonica e di altri component indesiderati dal biogas da discarica o da fanghi di depurazione attraverso diverse tecnologie. Il biogas così ottenuto arriva ad ottenere un contenuto energetico comparabile a quello del gas naturale (biometano). La tecnologia di upgrading ottimale dipende dalle portate e dalle caratteristiche del biogas in entrata.

giovedì 21 aprile 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | giovedì, aprile 21, 2016
Ogni anno, la capitale Austriaca produce circa un milione di tonnellate di rifiuti di cui circa 350000 sono raccolte in modo differenziato. Il principale impianto di digestione anaerobica, della municipalizzata WKU, tratta circa 22000 tonnellate/anno di rifiuti organici convertendoli in biogas che, dopo un processo di upgrading, viene utilizzato per produrre biometano da immettere in rete.

L'impianto fornisce quindi energia sostenibile all'intera città di Vienna, e riduce significativamente le emissioni di CO2 e l'import di gas naturale della città.

Nell'impianto di digestione anaearobica, i rifiuti vengono trattati in condizioni mesofilliche e ad umido, dopo la separazione dalle componenti indesiderate (plastica, legno, inerti), con un tempo di ritenzione di circa 20 giorni.

Il biogas ottnenuto viene prima desulfurizzato, quindi la CO2 viene separata da un impianto di upgrading a membrane che porta il contenuto in metano dal 64% al 99% nel gas in uscita. Dopo un controllo di qualità, il biometano è compresso a 70 bar e può essere immesso nella rete del gas naturale.

Caratteristiche dell'impianto: Capacità di trattamento rifiuti: 34,000 t/anno | Biogas trattato: 1,700,000 Nm³/anno | Biometano prodotto ed immesso in rete: 1,000,000 Nm3 /anno | Addetti: 5

0 commenti:

Posta un commento