giovedì 15 settembre 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | giovedì, settembre 15, 2016
Il settore del biogas agricolo è pronto per l'evoluzione verso la produzione del biometano e il Gestore dei servizi energitici (Gse) è pronto a gestire questo passaggio: lo testimoniano la prima "qualifica a progetto" riconosciuta ad un impianto di produzione di biometano, del settore agricoltura, e tutte le attività poste in essere dal Gse che porteranno, in breve tempo, all'avvio del portale per la gestione informatizzata delle richieste di qualifica degli impianti a biometano.

Il Gse, ricorda una nota, ha avviato il meccanismo di incentivazione per la produzione di biometano e l'8 agosto scorso ha accolto la prima richiesta di qualifica a progetto di un impianto di produzione di biometano che, una volta entrato in esercizio, immetterà il bio-carburante direttamente nella rete del gas naturale, per il successivo utilizzo nel settore dei trasporti.

Almeno 4 miliardi di investimenti e più di 12.000 posti di lavoro stabili sono stati finora ottenuti, associati ad un incremento di competitività e ad un'evoluzione tecnologica delle aziende agricole che hanno realizzato impianti a biogas (fonte rinnovabile ricavato da scarti di allevamento, produzione alimentare) in grado di produrre energia elettrica, termica e biocarburante. "Numeri che possono trovare nuovo slancio con la produzione del biometano - ha affermato Gattoni - un combustibile pulito e rinnovabile ottenuto dalla raffinazione del biogas, utilizzabile previa immissione nella rete del gas naturale, anche per i trasporti. L'Italia è il quinto mercato al mondo per i veicoli alimentati a gas metano e presenta un'industria leader nel mondo per le tecnologie della mobilità a metano".

Fonte: ANSA

0 commenti:

Posta un commento