• Digestori anaerobici

    Dalla digestione anaerobica di biomasse residuali viene prodotto un gas ricco in metano (biogas) che può essere opportunamente trattato per essere immesso in rete o utilizzato per il trasporto, sostituendo il metano proveniente da fonti energetiche fossili.

  • A Roncocesi il primo impianto dimostrativo per la produzione di biometano per autotrazione dal trattamento di fanghi di acque reflue

    Il biogas prodotto dal trattamento acque verrà trattato da un impianto di upgrading appositamente progettato.

  • La discarica HERA

    La discarica HERA di Ravenna produrrà biometano da immettere in rete. Il primo impianto dimostrativo in Italia per la produzione di biometano per l'immissione in rete sarà realizzato nella discarica di Ravenna.

  • Il processo di upgrading

    L'upgrading consiste nella separazione dell’anidride carbonica e di altri component indesiderati dal biogas da discarica o da fanghi di depurazione attraverso diverse tecnologie. Il biogas così ottenuto arriva ad ottenere un contenuto energetico comparabile a quello del gas naturale (biometano). La tecnologia di upgrading ottimale dipende dalle portate e dalle caratteristiche del biogas in entrata.

martedì 18 aprile 2017

Autore: BioMethER
Nessun commento | martedì, aprile 18, 2017
Appena pubblicato da IEA Bioenergy task 37, il case study di un impianto Olandese  di upgrading centralizzato che tratta il biogas da una discarica, da un impianto di digestione anaerobica (DA) per frazione organica di rifiuti urbani da raccolta differenziata (FORSU), un impianto DA per frazione organica di rifiuti urbani da selezione meccanica (FOS) e da impianti biogas agricoli collettati con una rete di tubazioni.

In totale l'impianto produce 2100 m3/ora di biometano che viene immesso nella rete del gas naturale da tre diversi impianti di upgrading con tre diverse tecnologie: PSA, Water scrubbing e, il più recente, a membrane. E' presente anche un impianto pilota criogenico per la produzione di Biometano liquido.

Vuoi saperne di più? Qui il case study

0 commenti:

Posta un commento