mercoledì 8 maggio 2019

Autore: BioMethER
Nessun commento | mercoledì, maggio 08, 2019
Un articolo a firma JRC e NGVA Europe analizza il potenziale di produzione del biometano, come alternativa rinnovabile al gas naturale per il settore dei trasporti. Il trasporto stradale e marittimo saranno infatti i principali settori di destinazione del biometano prodotto in Europa: al 2030, si stima che la domanda di gas naturale per il trasporto su strada raggiungerà i 30 miliardi di metri cubi/anno. La domanda di gas naturale rinnovabile per il trasporto marittimo come GNL è in fase di rapida crescita.

L'analisi del settore del biometano mostra un potenziale di produzione attuale di 1,9 miliardi di m3/a. Il numero totale di iniziative commerciali in Europa era di circa 645 nel 2017; con la Germania capofila. Lo studio riscontra che le tecnologie di upgrading più utilizzate sono il PSA, il water scrubbing e il chemical scrubbing.

Al 2030, lo studio prevede che la produzione di biometano raggiunga i 18 miliardi di m3/a; principalmente grazie alla riconversione degli impianti a biogas già installati, anche alimentati con sottoprodotti o rifiuti (FORSU). Vale la pena notare che questo valore rappresenta circa il 10% delle importazioni di gas naturale dell'UE proiettato per il 2030 (CE, scenario di riferimento UE, 2016).

Lo sviluppo sul mercato che deriva dal potenziale di produzione di biometano in Europa sarà però determinato non solo dalle condizioni del mercato dell'energia, ma anche dalla capacità degli stati membri di creare infrastrutture e stimolare l'industria con un'insieme coerente di iniziative a supporto del settore.

Fonte:
M. Prussi, M. Padella, M. Conton, E.D. Postma, L. Lonza, 2019. Review of technologies for biomethane production and assessment of Eu transport share in 2030. Journal of Cleaner Production 222 (2019) 565-572. Disponibile online qui (open access)

Image by IADE-Michoko from Pixabay 

0 commenti:

Posta un commento