• Digestori anaerobici

    Dalla digestione anaerobica di biomasse residuali viene prodotto un gas ricco in metano (biogas) che può essere opportunamente trattato per essere immesso in rete o utilizzato per il trasporto, sostituendo il metano proveniente da fonti energetiche fossili.

  • A Roncocesi il primo impianto dimostrativo per la produzione di biometano per autotrazione dal trattamento di fanghi di acque reflue

    Il biogas prodotto dal trattamento acque verrà trattato da un impianto di upgrading appositamente progettato.

  • La discarica HERA

    La discarica HERA di Ravenna produrrà biometano da immettere in rete. Il primo impianto dimostrativo in Italia per la produzione di biometano per l'immissione in rete sarà realizzato nella discarica di Ravenna.

  • Il processo di upgrading

    L'upgrading consiste nella separazione dell’anidride carbonica e di altri component indesiderati dal biogas da discarica o da fanghi di depurazione attraverso diverse tecnologie. Il biogas così ottenuto arriva ad ottenere un contenuto energetico comparabile a quello del gas naturale (biometano). La tecnologia di upgrading ottimale dipende dalle portate e dalle caratteristiche del biogas in entrata.

venerdì 26 maggio 2017

Autore: BioMethER
Nessun commento | venerdì, maggio 26, 2017
Il biometano per l'Emilia-Romagna, con i suoi 253 impianti a biogas presenti, per circa 225 MWe installati (dati GSE 2015), rappresenta un settore a forte potenzialità di sviluppo, e con l'impianto di Ireti a Roncocesi si apre la strada al biometano da fanghi di depurazione.

L'altro ieri, nell'anniversario dei 25 anni del programma LIFE della Commissione Europea, l'impianto ha ospitato i partecipanti alla Prima Giornata del Biometano in Emilia-Romagna, regione prima in Europa per numero di progetti LIFE partecipati!

Quasi 70 i presenti alla giornata di approfondimento sul biometano che hanno visitato il primo impianto di upgrading di biogas da fanghi di depurazione del progetto BioMethER installato presso il depuratore Ireti a Roncocesi.  

>> Le presentazioni sono disponibili qui.

A Roncocesi, circa 65 m3/h del biogas prodotto dalla digestione anaerobica dei fanghi di depurazione che eccedono la domanda termica dell'impianto verranno trattati nell'impianto di upgrading con tecnologia a membrane installato da SOL. Il biogas in ingresso e il biometano prodotto saranno monitorati qualitativamente per arrivare all'immissione in rete. 

>> Il biometano producibile è pari a circa 140.000 m3/anno, sufficienti a rifornire una flotta di 4 autobus con percorrenza annua media di 80.000 km!






venerdì 19 maggio 2017

Autore: BioMethER
Nessun commento | venerdì, maggio 19, 2017
In occasione del 25esimo anniversario del programma LIFE, una giornata di approfondimento sul tema del biometano in Emilia-Romagna e a seguire una visita al primo impianto di upgrading da fanghi di depurazione installato presso il depuratore di IRETI a Roncocesi.

Raggiunto il numero massimo di partecipanti per cui le iscrizioni sono chiuse. I materiali della giornata saranno resi disponibili online sul sito del progetto.


Autore: BioMethER
Nessun commento | venerdì, maggio 19, 2017
 Il progetto innovativo dei servizi ambientali convertirà il biogas prodotto dal processo di trattamento delle acque reflue della città in gas naturale rinnovabile. Il carburante sarà venduto a Portland (Oregon) e altrove per sostituire il diesel. Il progetto taglierà le emissioni di gas a effetto serra di 21.000 tonnellate all'anno, più di qualsiasi altro progetto cittadino finora. Inoltre genererà in aumento 3 milioni di dollari di fatturato all'anno e sostituirà 1,34 milioni di litri di gasolio con gas naturale rinnovabile, sufficiente per eseguire 154 vagoni per un anno.

"Stiamo creando una tripla vittoria per il pubblico in termini di reddito, azione climatica e aria più pulita", ha dichiarato il commissario Nick Fish. "Il gas naturale rinnovabile che produceremo è veramente locale e domestico, un sottoprodotto dei rifiuti di ogni casa di Portland che possiamo ora rifare".

Il consiglio comunale di Portland ha approvato all'unanimità il progetto che autorizza i servizi ambientali a costruire le infrastrutture necessarie per produrre biogas presso la centrale di trattamento delle acque reflue Columbia Boulevard e distribuirlo attraverso la rete di NW Natural. Il Comune ha anche autorizzato la costruzione di una stazione di rifornimento di biometano presso l'impianto. Il pacchetto di costi di costruzione di 12 milioni di dollari avrà un periodo di rimborso di circa quattro anni.

Entro la fine del 2017, la stazione di rifornimento è prevista per essere terminata e utilizzata per servizi ambientali e altri autocarri cittadini. Entro la fine del 2018, i servizi ambientali si aspettano di iniziare l'alimentazione di biogas nella rete di NW Natural. Quel combustibile sarà venduto sul mercato dell'energia rinnovabile tramite un sistema di crediti energetici per gli acquirenti di Oregon e fuori dello stato.

Fonte: NGV Journal


lunedì 8 maggio 2017

Autore: BioMethER
Nessun commento | lunedì, maggio 08, 2017
In occasione del 25esimo anniversario del programma LIFE, una giornata di approfondimento sul tema del biometano in Emilia-Romagna e a seguire una visita al primo impianto di upgrading da fanghi di depurazione installato presso il depuratore di IRETI a Roncocesi. 

Segna in agenda: Tecnopolo di Reggio Emilia, 24 maggio 2017!

Iscriviti online a questo link - le registrazioni sono chiuse per il raggiungimento del numero massimo di partecipanti
Programma disponibile qui
Le registrazioni saranno chiuse al raggiungimento di 40 partecipanti per motivi organizzativi.



Autore: BioMethER
Nessun commento | lunedì, maggio 08, 2017
Con la deliberazione dell'Autorità per l'Energia Elettrica, il gas e il sistema idrico del 13 aprile scorso si avvia un procedimento per l'aggiornamento delle direttive per le connessioni di impianti di biometano alle reti del gas naturale, che mette fine al periodo di standstill.

La deliberazione viene pubblicata a seguito della cessazione del periodo di standstill grazie alla pubblicazione della norma CEN EN 16723-1, recepita in Italia con la norma UNI EN 16723-1, che definisce gli standard europei relativi alle specifiche di qualità per il biometano da immettere nelle reti del gas naturale e individua requisiti e metodi di prova specifici.

martedì 18 aprile 2017

Autore: BioMethER
Nessun commento | martedì, aprile 18, 2017
Appena pubblicato da IEA Bioenergy task 37, il case study di un impianto Olandese  di upgrading centralizzato che tratta il biogas da una discarica, da un impianto di digestione anaerobica (DA) per frazione organica di rifiuti urbani da raccolta differenziata (FORSU), un impianto DA per frazione organica di rifiuti urbani da selezione meccanica (FOS) e da impianti biogas agricoli collettati con una rete di tubazioni.

In totale l'impianto produce 2100 m3/ora di biometano che viene immesso nella rete del gas naturale da tre diversi impianti di upgrading con tre diverse tecnologie: PSA, Water scrubbing e, il più recente, a membrane. E' presente anche un impianto pilota criogenico per la produzione di Biometano liquido.

Vuoi saperne di più? Qui il case study

giovedì 13 aprile 2017

Autore: Redazione
Nessun commento | giovedì, aprile 13, 2017
Al depuratore di Roncocesi (RE) condotto da IRETI, società del Gruppo Iren, è stato installato il primo impianto di upgrading dimostrativo del progetto BioMethER, in grado di trasformare il biogas prodotto nella linea di trattamento del fango di depurazione in biometano.

"È un altro tassello dell’economia circolare che rappresenta l’obiettivo a cui tendere in tutti i processi in cui siamo impegnati” ha dichiarato il Presidente Iren Paolo Peveraro.