• Digestori anaerobici

    Dalla digestione anaerobica di biomasse residuali viene prodotto un gas ricco in metano (biogas) che può essere opportunamente trattato per essere immesso in rete o utilizzato per il trasporto, sostituendo il metano proveniente da fonti energetiche fossili.

  • A Roncocesi il primo impianto dimostrativo per la produzione di biometano per autotrazione dal trattamento di fanghi di acque reflue

    Il biogas prodotto dal trattamento acque verrà trattato da un impianto di upgrading appositamente progettato.

  • La discarica HERA

    La discarica HERA di Ravenna produrrà biometano da immettere in rete. Il primo impianto dimostrativo in Italia per la produzione di biometano per l'immissione in rete sarà realizzato nella discarica di Ravenna.

  • Il processo di upgrading

    L'upgrading consiste nella separazione dell’anidride carbonica e di altri component indesiderati dal biogas da discarica o da fanghi di depurazione attraverso diverse tecnologie. Il biogas così ottenuto arriva ad ottenere un contenuto energetico comparabile a quello del gas naturale (biometano). La tecnologia di upgrading ottimale dipende dalle portate e dalle caratteristiche del biogas in entrata.

giovedì 15 settembre 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | giovedì, settembre 15, 2016
Il settore del biogas agricolo è pronto per l'evoluzione verso la produzione del biometano e il Gestore dei servizi energitici (Gse) è pronto a gestire questo passaggio: lo testimoniano la prima "qualifica a progetto" riconosciuta ad un impianto di produzione di biometano, del settore agricoltura, e tutte le attività poste in essere dal Gse che porteranno, in breve tempo, all'avvio del portale per la gestione informatizzata delle richieste di qualifica degli impianti a biometano.

Il Gse, ricorda una nota, ha avviato il meccanismo di incentivazione per la produzione di biometano e l'8 agosto scorso ha accolto la prima richiesta di qualifica a progetto di un impianto di produzione di biometano che, una volta entrato in esercizio, immetterà il bio-carburante direttamente nella rete del gas naturale, per il successivo utilizzo nel settore dei trasporti.

Almeno 4 miliardi di investimenti e più di 12.000 posti di lavoro stabili sono stati finora ottenuti, associati ad un incremento di competitività e ad un'evoluzione tecnologica delle aziende agricole che hanno realizzato impianti a biogas (fonte rinnovabile ricavato da scarti di allevamento, produzione alimentare) in grado di produrre energia elettrica, termica e biocarburante. "Numeri che possono trovare nuovo slancio con la produzione del biometano - ha affermato Gattoni - un combustibile pulito e rinnovabile ottenuto dalla raffinazione del biogas, utilizzabile previa immissione nella rete del gas naturale, anche per i trasporti. L'Italia è il quinto mercato al mondo per i veicoli alimentati a gas metano e presenta un'industria leader nel mondo per le tecnologie della mobilità a metano".

Fonte: ANSA

martedì 13 settembre 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | martedì, settembre 13, 2016
Sacramento County’s trucks will be filling up with the advanced renewable liquefied natural gas (RLNG) at a significant discount with a multi-year contract with Applied LNG. “We are extremely proud that Sacramento County is diversifying its fleet fuel portfolio with 100% renewable LNG as part of the broader effort to reduce GHG emissions”, said Phil Serna, County Supervisor for District 1 and member of the California Air Resources Board. “This brings our renewable fuel consumption for our entire fleet to more than 50%.”



Sacramento County refuels trucks with biomethane

mercoledì 7 settembre 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | mercoledì, settembre 07, 2016
L’obiettivo del Workshop "Nuova edizione UNI/TR 11537 “Immissione di biometano nelle reti di trasporto e distribuzione di gas”, Prospettive e Sviluppi" organizzato dal Comitato Italiano Gas  è quello di favorire un incontro tra gli operatori, evidenziando i cambiamenti in atto e le prospettive di sviluppo del settore biometano, alla luce delle novità sulle norme tecniche: il CIG ha avviato la revisione del rapporto tecnico UNI/TR 11537, di prossima pubblicazione, che contiene alcune conferme e importanti novità.

Il rapporto definisce infatti le specifiche di qualità assunte come le caratteristiche chimico fisiche del gas naturale definite nel DM 19 febbraio 2007 e definisce i limiti per i componenti aggiuntivi del biometano, indica quindi i metodi analitici e di campionamento di riferimento per eseguire le misure dei componenti e gli schemi di riferimento per la realizzazione degli impianti di consegna ed immissione in rete, fornisce indicazioni sulle prove di odorizzabilità del biometano e loro validità temporale. Ulteriori sviluppi sono attesi a livello di codici di rete, legislazione incentivante e attività regolatoria di specie.

Quando: 11 Ottobre 2016
Dove: Bologna, Hotel Carlton
Modalità di iscrizione e programma verranno resi disponibili qui

mercoledì 31 agosto 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | mercoledì, agosto 31, 2016
Per supportare la Regione nella pianificazione energetica regionale, BiomethER ha stimato la potenzialità di produzione di biometano a partire dalle biomasse di scarto avviabili a digestione anaerobica. In Emilia-Romagna viene già prodotto il 16% del biogas Italiano, che rende il territorio regionale il secondo maggior produttore a livello nazionale dopo la Lombardia (33%) - dati GSE, 2015.

Dalle analisi di CRPA, sono disponibili in regione circa 17 milioni di tonnellate annue di reflui zootecnici, oltre a resti di macellazione e scarti dell'agroindustria, assieme alla frazione organica dei rifiuti (il 47% è raccolto in modo differenziato), e ai fanghi di depurazione (circa 52.000 tonnellate annue) . Con stime cautelative e non considerando il biogas da discarica, la producibilità di biometano a livello regionale oscilla tra i 300 e i 350 milioni di m3/anno.

Leggi l'intero report qui

lunedì 29 agosto 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | lunedì, agosto 29, 2016
L'edizione 2016 della conferenza annuale della European Biogas Association tratterà temi importanti per il settore del biometano: le tecnologie di produzione e upgrading e le prospettive di mercato nel settore dei trasporti verso un mercato transnazionale del biometano.

La terza conferenza europea della European Biogas Association dedicata ai temi del biogas e biometano da digestione anaerobica e gassificazione si terrà dal 27 al 29 settembre a Ghent, in Belgio. Il programma dettagliato è disponibile qui.


Autore: BioMethER
Nessun commento | lunedì, agosto 29, 2016
Il Piano Energetico Regionale decennale 2017-2030 e il Primo Piano Attuativo 2017-2019 sono stati approvati dalla Giunta Regionale. L’approvazione del documento segue un percorso partecipato che ha visto la realizzazione di 9 convegni e 4 workshop tecnici con la presenza di portatori di interesse, cittadini, enti, associazioni, parti sociali.

Il Piano fa propri gli obiettivi europei al 2020, 2030 e 2050 in materia di clima ed energia come fondamentale fattore di sviluppo della società regionale. In particolare, tali obiettivi sono la riduzione delle emissioni climalteranti del 20% al 2020 e del 40% al 2030 rispetto ai livelli del 1990; l’incremento al 20% al 2020 e al 27% al 2030 della quota di copertura dei consumi attraverso l’impiego di fonti rinnovabili, l’incremento dell’efficienza energetica al 20% al 2020 e al 27% al 2030.

Trasporti, elettrico e termico, con le loro ricadute sull’intero tessuto regionale, sono i tre settori sui quali si concentreranno gli interventi per raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione europea e recepiti dal Piano. Il biometano in rete è uno dei perni della strategia energetica soprattutto per le sue potenzialità per gli usi nel trasporto.

I documenti, aperti per le osservazioni possibili sino al 5 Ottobre, sono disponibili qui. Entro il termine dei sessanta giorni, chiunque può prendere visione dei documenti e presentare le proprie osservazioni in forma scritta, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi.

giovedì 4 agosto 2016

Autore: BioMethER
Nessun commento | giovedì, agosto 04, 2016
Grande affluenza alla quinta edizione di mcTER Bio-Gas, organizzato da EIOM in collaborazione con il CIB (Consorzio Italiano Biogas), evento verticale di riferimento in Italia dedicato alla filiera del biogas-biometano e alla cogenerazione da biogas e gassificazione: oltre 1.300, infatti, gli operatori specializzati intervenuti lo scorso 30 giugno a Milano.

Il tema del biogas e ultimamente soprattutto del biometano è del resto particolarmente caldo: il settore, infatti, offre notevoli potenzialità, molte delle quali ancora da esplorare. Riduzione delle emissioni di carbonio e affrancamento dall'uso dei combustibili fossili, sostenibilità della filiera e miglioramento del reddito agrario: argomenti estremamente attuali all'interno del panorama produttivo italiano, rispetto ai quali mcTER Bio-Gas ha rappresentato una preziosa occasione di confronto. Durante il convegno mattutino “Biogas e Biometano – Le nuove opportunità per il mercato”, infatti, si è parlato del presente e del futuro della filiera del biogas e del biometano, esplorandone le potenzialità e affrontandone le criticità.

All'interno dell'edizione 2016 di mcTER Bio-Gas si è parlato molto di biometano; per questo, uno degli obiettivi del convegno è stato quello di favorire il dibattito e il confronto circa il futuro del biometano in Italia, tra aspettative, criticità e opportunità di sviluppo. Ancora Lorenzo Maggioni ha introdotto l'argomento dell’upgrade da biogas a biometano, presentando con un interessante caso applicativo l'esperienza della Cooperativa agricola Assegnatari Associati Arborea; mentre Sami Shams Eddin (Azienda agricola Cominello) ha approfondito uno degli aspetti problematici della filiera, ossia l'utilizzo di sottoprodotti durante il processo di produzione del biometano. Al di là degli ostacoli da affrontare, comunque, un punto fermo emerso durante la giornata mcTER Bio-Gas ha riguardato l'enorme potenziale che offre il settore del biometano, tra cui la possibilità di essere utilizzato anche come energia per l'autotrazione; e da questo punto di vista, l'intervento di Paolo Vettori (Presidente Assogasmetano) è risultato veramente illuminante. Cristiano Fiameni (Direttore Tecnico CIG) si è invece concentrato, sempre in ambito biometano, su norme e aggiornamenti normativi.

Il convegno si è quindi concluso con gli interventi di Maurizio Bellandi (BTS Biogas) e Alessandro Tralli (CPL Concordia), che si sono concentrati sugli aspetti relativi alle ultime soluzioni applicative, le tecnologie più innovative e gli strumenti tecnici oggi a disposizione nella filiera del biometano e del biogas, mentre Maurizio Pastori (GM Green Methane) ha illustrato le ultimissime novità in campo di biometano e il ruolo decisivo che l'Italia ricopre all'interno del panorama internazionale per il suo utilizzo come fonte di energia alternativa e sostenibile.

McTER Bio-Gas si rivolge a tutti gli operatori coinvolti nel settore: responsabili tecnici, titolari di aziende agricole e zootecniche, progettisti, impiantisti, ingegneri, energy manager, utilizzatori di energia e calore dall’industria, dal terziario e dai servizi, studi tecnici e molti altri ancora. L'obiettivo? Favorire l'incontro, la condivisione e l'aggiornamento circa le ultime novità, soluzioni applicative e aspetti normativi che riguardano il mondo della cogenerazione da biogas e biometano, per creare sinergie e nuove e proficue opportunità di business.

Fonte: Comunicato Stampa McTER Bio-Gas